Notizie

17
feb

FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO DPI III CATEGORIA ANTICADUTA

FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO DPI IIIa CATEGORIA ANTICADUTA

Un quesito che frequentemente ci viene posto è il seguente: il corso di formazione per addetto all’utilizzo di (Piattaforma di Lavoro Elevabile) ai sensi dello specifico Accordo Stato Regioni n. 53/CSR del 22 Febbraio 2012  e il corso di formazione per addetti al montaggio/smontaggio ponteggi ai sensi dell’Allegato XXI del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., possono soddisfare l’esigenza di formazione sui lavori in quota e sull’addestramento all’utilizzo dei DPI III Categoria Anticaduta?

A nostro parere, considerato quanto sotto riportato la risposta è negativa.

Il corso di formazione per addetti al montaggio/smontaggio ponteggi prevede:

  • all’interno del Modulo Giuridico-Normativo 2 ore sul Titolo IV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. suddivise tra “Lavori in quota” e “Cantieri”;
  • all’interno del Modulo Tecnico 2 ore inerenti i DPI anticaduta specifici per le operazioni di montaggio/smontaggio ponteggi;
  • nel Modulo Pratico viene fatto uso degli specifici DPI Anticaduta inerenti il montaggio/smontaggio ponteggi.

Il corso di formazione per addetti all’utilizzo delle Piattaforme di Lavoro Mobili Elevabili (P.L.E.) prevede:

  • all’interno del Modulo Giuridico-Normativo 1 ora su cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento ai lavori in quota ed all’uso di attrezzature di lavoro per lavori in quota (D.Lgs. n. 81/2008);
  • all’interno del Modulo Tecnico una parte delle 3 ore è dedicata ai DPI specifici da utilizzare con le PLE e alle modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti nell’utilizzo delle PLE (rischi di elettrocuzione, rischi ambientali, di caduta dall’alto, ecc.);
  • all’interno del Modulo Pratico viene fatto uso degli specifici DPI Anticaduta inerenti l’utilizzo della PLE.

I due corsi sopra menzionati non prevedono in modo specifico una formazione completa sui lavori in quota e una formazione ed addestramento sui DPI Anticaduta, in quanto il rischio di caduta dall’alto, il lavoro in quota ed i DPI Anticaduta vengono trattati specificatamente per le lavorazioni con PLE e Ponteggio.

La trattazione degli argomenti riportati nel paragrafo precedente e le prove pratiche che vengono effettuate all’interno dei corsi sopra menzionati sono sicuramente differenti e non esaustivi rispetto a quelli che possono servire ad un addetto che si trova ad operare ad esempio su di una copertura, su di una scala, al disopra di un macchinario o di un’autocisterna, ecc.

In riferimento ai DPI di IIIa Categoria Anticaduta si ricorda inoltre che ai sensi dell’Art. 77 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. il datore di lavoro ha l’obbligo di assicurare una formazione adeguata e uno specifico addestramento circa l’uso corretto e l’utilizzo pratico dei DPI.

immagine

27
set

Aggiornamento Addetti Antincendio

L’art. 37 comma 9 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. afferma che I lavoratori incaricati dell’attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell’emergenza devono ricevere un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico; in attesa dell’emanazione delle disposizioni di cui al comma 3 dell’articolo 46, continuano a trovare applicazione le disposizioni di cui al decreto del Ministro dell’interno in data 10 marzo 1998, pubblicato nel S.O. alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998, attuativo dell’articolo 13 del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626.

Il D.M. 10 marzo 1998 non prevede né i contenuti dei corsi di aggiornamento antincendio né tantomeno la periodicità di aggiornamento.

Pur non avendo forza di legge, sono tuttavia disponibili alcune circolari sul tema della prevenzione incendi, emanate dai Vigili del Fuoco.

Il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile-Direzione Generale per la Formazione ha reso nota una circolare (circolare prot. 12653 del 23 febbraio 2011) per chiarire gli aspetti relativi ai corsi di aggiornamento degli addetti antincendio.

Secondo tale circolare la durata del corso di Aggiornamento per gli Addetti Antincendio in attività a rischio di incendio BASSO è di 2 ore, per le attività a rischio di incendio MEDIO è di 5 ore mentre per le attività a rischio di incendio ELEVATO è di 8 ore.

Per quanto concerne la periodicità degli aggiornamenti della formazione agli addetti antincendio, secondo la circolare del 27 Gennaio 2012 il Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile-Direzione Generale Emilia Romagna indica che la cadenza triennale dell’aggiornamento formativo possa ritenersi ragionevole in analogia a quanto previsto in materia di pronto soccorso, fatte salve diverse valutazioni in merito da parte del Datore di Lavoro.

Ribadendo che le circolari precedentemente richiamate non hanno forza di legge si vuole comunque richiamare l’attenzione sull’importanza del ruolo dell’addetto antincendio e sulla preparazione che lo stesso deve avere in modo da agire tempestivamente, in maniera corretta ed in sicurezza in caso di necessità.

Effettuare periodicamente corsi di aggiornamento permette all’addetto antincendio di mantenersi informato sulle novità in campo antincendio, consolidare i concetti base della formazione antincendio e fare pratica con attrezzature e dispositivi che difficilmente utilizzerà nel quotidiano.

26
set

CORSO DI ADDESTRAMENTO e FORMAZIONE PER ADDETTI AI LAVORI IN QUOTA E ALL’UTILIZZO DI DPI ANTICADUTA

Eco 2000 S.r.l. in collaborazione con ISFEL S.r.l. Agenzia Formativa accreditata alla Regione Toscana con n. OF0058 organizza corso di formazione ed addestramento per addetti ai lavori in quota (altezza di lavoro > 2 m.) e all’utilizzo di DPI di IIIa Categoria Anticaduta.

Destinatari: Addetti, responsabili e preposti a lavori che comportino rischi di caduta dall’alto (attività lavorative che espongono ad un rischio di caduta da una quota > 2 mt.) es. antennisti, idraulici, lavoratori edili, addetti all’uso di scale a mano, trabattelli, ponteggi, PLE, ecc.

Obiettivi: Assolvere all’obbligo di formazione all’ art. 37, comma 1, lettera b) e art. 37, comma 3 – D.Lgs. n. 81/08 s.m.i. e dall’art. 76, 77 comma 4 lettera “a” “h” e comma 5 lettera “a” del D.Lgs. 81/08. con riferimento ai requisiti dei D.P.I. e gli obblighi del datore di lavoro.

Contenuto del corso: Corso teorico-pratico della durata di 8 ore, così suddiviso:

Modulo teorico (4 ore): Normativa di riferimento D.Lgs 81/08 e smi; Protezione individuale e DPI Il rischio di caduta dall’alto e i pericoli generati dal non utilizzo e dall’utilizzo delle cinture anticaduta (DPI di 3°categoria) in modalità non corrette; Adeguatezza e caratteristiche di cinture e imbracature, cordini e dispositivi anticaduta, moschettoni; altri DPI non di 3a categoria necessari per operare in sicurezza; Possibili danni causati dalla caduta dall’alto.

Modulo pratico (4 ore): Metodo corretto per indossare ed utilizzare un imbracatura anticaduta; uso cordini e dispositivi anticaduta in diverse modalità di impiego; accesso in copertura mediante scala; accesso e posizionamento su scala.

Per maggiori informazioni e/o chiarimenti non esitate a contattarci al numero 0572/953929 e/o tramite mail all’indirizzo info@eco2000srl.it

24
set

Corsi di Formazione in programma nel periodo Settembre – Dicembre 2019

Eco 2000 Srl – azienda specializzata da 25 anni in consulenza, sicurezza e formazione sui luoghi di lavoro, promuove tramite la partecipata ISFEL Srl Agenzia Formativa Accreditata alla Regione Toscana n° OF0058, corsi di formazione obbligatori sulla sicurezza e di aggiornamento professionale. Al termine del corso, con frequenza ed esito positivo, saranno rilasciate attestati RICONOSCIUTI E VALIDI IN OGNI SETTORE DI RIFERIMENTO PRODUTTIVO E SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE.

Consulta l’elenco dei Corsi di Formazione in programma nel periodo Settembre – Dicembre 2019

immagine1 immagine2

6
feb

AGGIORNAMENTI ed INTEGRAZIONI sul Testo unico sicurezza sul lavoro – D.Lgs. n.81/2008 s.m.i.

NUOVO TESTO COORDINATO del Testo unico sicurezza sul lavoro – D.Lgs. n.81/2008 smi

Il Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. è stato integrato ed aggiornato nel mese di Gennaio 2019 in merito a:

  • Modifica introdotta all’art. 99(notifica preliminare) dalla Legge 1 dicembre2018 di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 4 ottobre 2018, n. 113, recante disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonchèmisure per la funzionalitàdel Ministero dell’interno e l’organizzazione e il funzionamento dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalitàorganizzata. (GU n.281 del 3/12/2018in vigore dal 04/12/2018);
  • Inseriti gli interpelli n. 6del 18/07/2018e n. 7del 21/09/2018;
  • Sostituito il Decreto Direttoriale n. 51del 22maggio2018 con il Decreto Direttoriale n. 89 del 23 novembre2018 -Ventesimo elenco dei soggetti abilitati per l’effettuazione delle verifiche periodichedi cui all’art. 71 comma 11(LINK ESTERNO all’Allegato);
  • Rivalutati, a decorrere dal 1° gennaio 2019, nella misura del 10%, gli importi dovuti per la violazione delle disposizioni di cui al D.Lgs. n. 81/2008, ai sensi dell’art. 1, comma 445, letterad),della Legge n. 145/2018 (legge di bilancio),che ha previsto la maggiorazione degliimporti sanzionatori delle violazioni che, più di altre, incidono sulla tutela degli interessi e della dignità dei lavoratori. Le anzidette maggiorazioni sono raddoppiate laddove, nei tre anni precedenti, il datore di lavoro sia stato destinatario di sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti;
  • È stata inserita l’Appendice Ccon le tabelle degli importi sanzionatari con la maggiorazione raddoppiata in caso di recidiva,ai sensi dell’art. 1, comma 445, letterae),della Legge n. 145/2018 (legge di bilancio);
  • Corretto il refuso relativo all’Interpello n. 26/2014 del 31/12/2014 -Applicazione del decreto interministeriale 18 aprile 2014 cosiddetto “decreto capannoni”.

Consulta la versione aggiornata del Testo Unico Sicurezza sul Lavoro – D.Lgs. n.81/2008 s.m.i. a questo indirizzo.

Torna in alto